skip to Main Content
SPEDIZIONE SEMPRE GRATUITA!

Uno studio rivela che i disturbi del sonno dei coniugi militari sono comuni

Secondo l’American Academy of Sleep Medicine, il personale militare in servizio attivo ha un’alta prevalenza di disturbi del sonno, come apnea notturna, insonnia e breve durata del sonno. I risultati mostrano anche che questi disturbi del sonno portano a problemi medici, come depressione, ansia e altro. Con la crescita della ricerca sul sonno per il personale militare in servizio attivo, molti ricevono l’aiuto di cui hanno bisogno attraverso cliniche del sonno professionali.

Un recente studio ha esaminato un aspetto spesso trascurato del problema: i coniugi del personale militare in servizio attivo. Anche i coniugi di coloro che prestano servizio attivo nell’esercito sperimentano molti degli stessi disturbi del sonno. A causa dello schieramento del coniuge e di altri aspetti dello stile di vita militare. Ci sono molti gruppi di supporto e programmi per i coniugi militari che si occupano di dispiegamento, solitudine, stress e altri problemi. Nonostante tutto, molti coniugi non riconoscono i risultati potenzialmente distruttivi che le loro abitudini di sonno hanno su di loro e sulle loro famiglie.

Il risultato dello studio

Per capire perché i coniugi militari soffrono molti degli stessi disturbi del sonno dei loro mariti o mogli. I ricercatori della RAND Corporation hanno deciso di riunire un gruppo di coniugi militari per la ricerca. Il loro studio ha esaminato circa 1.500 coniugi militari di età compresa tra 19 e 65 anni. Con un’età media di 33 anni, sposati con membri del servizio militare di tutti i rami militari. Ai partecipanti è stato chiesto di valutare la qualità del sonno, l’affaticamento diurno, i disturbi diurni, la durata del sonno, nonché la salute, la soddisfazione coniugale e i sintomi depressivi attraverso sondaggi telefonici e basati sul web. I ricercatori hanno registrato i risultati dei partecipanti ed esaminato i dati per le tendenze e l’analisi.

I risultati mostrano che il 18% dei coniugi militari ha riportato una durata del sonno estremamente breve, definita come meno di 5 ore a notte. Questo è significativamente più alto dei tassi all’interno della popolazione generale di coloro che non prestano servizio attivo nell’esercito o sono sposati con personale militare in servizio attivo. Circa il 44% ha riferito di dormire 7 ore di sonno o meno a notte e oltre la metà (54%) ha riferito di affaticamento diurno a causa della mancanza di sonno.

I coniugi militari hanno anche indicato che il loro sonno è peggiorato quando il membro del servizio era attualmente o precedentemente schierato. Quelli nello studio che hanno riportato problemi di sonno erano anche più fortemente associati alla depressione, evidenziando l’importanza dello screening per i problemi del sonno tra i coniugi militari.

Raccomandazioni

Secondo Troxel, ai coniugi del personale militare in servizio attivo viene consigliato di cercare aiuto nelle cliniche del sonno per capire meglio e risolvere i loro disturbi del sonno. Molto importante è sia per i membri del servizio che per i coniugi riconoscere l’importanza del sonno. Inoltre se hanno una qualità del sonno scadente su base regolare o sperimentano un affaticamento significativo che interferisce con il funzionamento quotidiano, che ne parlino con qualcuno.

Il sonno influisce su ogni aspetto della nostra salute fisica e del nostro funzionamento. Ma influisce anche sulla salute della nostra relazione e sulla nostra capacità di essere di supporto ai nostri partner. Proprio l’anno scorso i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno pubblicato un articolo. Delineava i problemi associati al sonno insufficiente, definendolo un problema di salute pubblica. Si stima che 50-70 milioni di adulti statunitensi abbiano disturbi del sonno o della veglia. Infine hanno suggerito che gli adulti hanno bisogno di 7-8 ore di sonno ogni notte.

Per visualizzare le offerte “Materassiedoghe” clicca QUI

Francesco Nicolaci

Francesco Nicolaci, inizia la sua collaborazione come redazionale "Materassiedoghe" nel Gennaio 2017, a seguito della laurea in "Consulente del Lavoro e Giurista d'impresa" e di un percorso formativo presso il "Liceo Ginnasio - Arnaldo da Brescia". Da sempre interessato alla lettura di testi divulgativi dei più svariati argomenti, si sta specializzando a diffondere la cultura legata al riposo. Cercando di offrire curiosità attinenti alla storia del riposo, alla cultura del sonno e alla scoperta degli accessori del riposo in diverse culture e tradizioni.

Back To Top

BUONO SCONTO EXTRA 9% SU TUTTI I PRODOTTI IN MEMORY FOAM!

Lasciaci il tuo indirizzo email e ricevilo subito!

    Consenso al trattamento dei dati: Autorizzo al trattamento dei miei dati personali secondo la normativa vigente. Prima di procedere dichiaro di aver letto l'informativa sulla Privacy Leggi qui