skip to Main Content
SPEDIZIONE SEMPRE GRATUITA!

Guidare assonnato è pericoloso quanto guidare ubriaco?

Hai mai guidato mentre eri stanco? Pensavi che una tazza di caffè ti avrebbe tirato su? Sapevi che il 90% degli agenti di polizia ha almeno una volta fermato un guidatore che sembrava ubriaco solo per trovare un guidatore assonnato, non ubriaco, al volante? Uno studio del 2010 dell’American Automobile Association (AAA) ha stimato che 1 su 6 (16,5%) incidenti stradali mortali sono dovuti a sonnolenza alla guida.

Ma cosa rende la guida sonnolenta così pericolosa? Per cominciare, un guidatore che si addormenta al volante ha maggiori probabilità di scontrarsi frontalmente con un altro veicolo, albero o edificio senza cercare di evitare l’incidente sterzando o frenando. In effetti, la mancanza di segni di sbandata sulla strada dopo un incidente è un forte indicatore che il conducente si è addormentato al volante. 

Un guidatore esausto potrebbe anche non rendersi conto di essersi addormentato, il che rende quegli incidenti così mortali. I micro-sonni possono durare 4-5 secondi, il che non sembra molto, ma è abbastanza lungo da attraversare la linea centrale dell’autostrada e schiantarsi. Potresti pensare di poter alimentare il tuo bisogno di dormire, ma le statistiche dicono il contrario. 

Chi è a rischio di essere assonnato alla guida?

Gli incidenti stradali con sonnolenza si verificano più spesso durante la notte. Ma c’è anche un piccolo picco durante la metà e il tardo pomeriggio, quel momento della giornata in cui la nostra energia si placa naturalmente. Mentre chiunque guidi stanco è a rischio, alcuni gruppi di persone tendono ad affrontare rischi maggiori.

  • Nuovi driver. I giovani conducenti hanno 4 volte più probabilità di essere la causa di incidenti legati al sonno rispetto ai conducenti di età superiore ai 30 anni. La ragione principale potrebbe essere la sopravvalutazione della loro capacità di affrontare i problemi di sonno.
  • Lavoratori a turni. Le persone che lavorano di notte non hanno altra scelta che andare contro il loro ritmo circadiano naturale il che aumenta notevolmente il rischio.
  • Persone che soffrono di disturbi del sonno. Più di 50 milioni di americani soffrono di disturbi del sonno e molti soffrono senza diagnosi. L’apnea notturna, la narcolessia e la sindrome delle gambe senza riposo sono solo alcuni dei disturbi che disturbano il sonno.
  • I viaggiatori. Che si tratti di viaggi di piacere o di lavoro , il sonno è un problema comune per le persone che viaggiano. Il jetlag e le lunghe ore di lavoro sono più un problema per i viaggiatori d’affari.

Come prevenire la sonnolenza alla guida?

Dormire bene la notte e non mettersi mai al volante sono i modi migliori per assicurarsi di non essere mai assonnati. Ma proprio come le persone a volte possono giudicare male se dovrebbero guidare dopo un paio di drink, ci sono molte sfumature di grigio quando si tratta di guidare assonnati. Usa questi suggerimenti per proteggerti dal cadere nell’abitudine alla guida sonnolenta.

  • Sistema di amici. Se stai pianificando un lungo viaggio, porta un amico. Un passeggero può farti parlare e stare attento ai segni di stanchezza. Se il tuo amico ha la patente e può fare a turno alla guida, ancora meglio.
  • Tolleranza zero. Guidare sotto l’effetto di alcol o droghe non è mai intelligente, ma è particolarmente pericoloso se sei già stanco. Se devi assumere farmaci che influiscono sulla vigilanza, evita di guidare fino a quando la tua mente non è chiara al 100%.
  • Fai delle pause. Pianifica pause regolari anche se non ti senti stanco. Uscire dall’auto per sgranchirsi le gambe migliorerà la circolazione e ti rinfrescherà. Se hai bisogno di aiuto per ricordare di fermarti più spesso, bevi molta acqua e la tua vescica te lo ricorderà.
  • Pisolino. Un pisolino di 20 minuti ti rinfrescherà e ti farà rivivere molto meglio di un caffè che potrebbe darti un rapido vantaggio. Un  pisolino (10-30 minuti) alimenterà la tua energia per ore, ma mantienila breve in modo da non essere intontito quando ti svegli.

Per visualizzare le offerte “Materassiedoghe” clicca QUI

Francesco Nicolaci

Francesco Nicolaci, inizia la sua collaborazione come redazionale "Materassiedoghe" nel Gennaio 2017, a seguito della laurea in "Consulente del Lavoro e Giurista d'impresa" e di un percorso formativo presso il "Liceo Ginnasio - Arnaldo da Brescia". Da sempre interessato alla lettura di testi divulgativi dei più svariati argomenti, si sta specializzando a diffondere la cultura legata al riposo. Cercando di offrire curiosità attinenti alla storia del riposo, alla cultura del sonno e alla scoperta degli accessori del riposo in diverse culture e tradizioni.

Back To Top

BUONO SCONTO EXTRA 9%

Lasciaci il tuo indirizzo email e ricevilo subito!

    Consenso al trattamento dei dati: Autorizzo al trattamento dei miei dati personali secondo la normativa vigente. Prima di procedere dichiaro di aver letto l'informativa sulla Privacy Leggi qui