skip to Main Content
SPEDIZIONE SEMPRE GRATUITA!

Il sonno REM, le fasi del sonno

cervello fase remSpesso pensiamo che, andando a dormire spegniamo, il cervello e facciamo un unico momento di riposo fino al mattino, sempre che non soffriamo di insonnia.
Molti non sanno che il nostro sonno non è lineare, ma è suddiviso in 5 diverse fasi (REM e NREM) che si ripetono ciclicamente durante la notte; mediamente 4/5 volte per notte, con cicli dalla durata media approssimativa di 90 minuti.

La fase N REM

Per procedere a capire quali sono le fasi che attraversa il nostro cervello durante il sonno, occorre ricordare che le fasi sono grossomodo due:

  • Fase NREM, o sonno sincronizzato; suddivisa a sua volta in quattro stadi:
    • addormentamento, Stadio 1 ;
    • riposo leggero, Stadio 2 ;
    • sonno profondo, Stadio 3 ;
    • sonno molto profondo, Stadio 4 .
  • Fase REM, o sonno desincronizzato.

Il nostro cervello è attivo anche quando dormiamo, ciò è stato dimostrato grazie a elettroencefalogrammi, elettrooculogrammi ed elettromiogrammi; i quali sono esami per monitorare le onde cerebrali, il movimento degli occhi e l’attività muscolare durante la notte.

I risultati di questi esami, elaborati assieme ad altre informazioni, hanno permesso di scoprire che il sonno è un sistema complesso con diverse fasi e interazioni.
La macrofase NREM (o non-REM) è caratterizzata dal rallentamento del battito cardiaco, dal rilassamento totale della muscolatura e dall’abbassamento della temperatura corporea.

Gli stadi della fase REM

Come anticipavamo prima la fase NREM è divisa in quattro stadi:

  • Stadio 1, addormentamento

    La durata di questa fase è compresa tra i 3 e i 12 minuti, e va dal momento dell’addormentamento, fino ai primi momenti di sonno.
    È caratterizzato dal rallentamento dei movimenti oculari, dal fatto che il rilassamento della muscolatura non è totale, dall’abbassamento della temperatura e da rallentamento del respiro. Il cervello inizia a produrre onde α (alfa), aventi frequenza da 7 a 13 Hz; quando dall’assopimento si passa al sonno vero e proprio compaiono le onde θ (theta), con frequenza compresa tra 3 e 7 Hz.

  • Stadio 2, sonno leggero

    In questa fase si è veramente addormentati, non ci sono movimenti oculari, l’attività muscolare è molto bassa, la temperatura corporea scende ulteriormente e il respiro diventa più profondo. Questo stadio dura tra i 10 e i 20 minuti e vede la comparsa, oltre alle onde θ, dei complessi K e dei fusi del sonno, ossia serie di onde con frequenza tra i 12 e i 16 Hz, che perdurano per tutto il sonno.

  • Stadio 3, sonno profondo

    I complessi K aiutano il nostro corpo a far passare il sonno dal secondo stadio al terzo, che vede la comparsa delle onde δ (delta), che si associano alle onde θ, ai fusi del sonno e ai complessi K. Le onde δ sono lente e regolari con frequenza variabile tra gli 0,1 e i 3 Hz. In questo stadio, che dura circa 10 minuti, il corpo è quasi completamente rilassato.

  • Stadio 4, sonno molto profondo

    Le onde δ sostituiscono del tutto le onde θ. In questo stadio si ha il rilassamento più profondo, il sonno senza sogni e la mente inconscia. La temperatura, il battito, il respiro e i movimenti oculari si riducono, mentre la muscolatura è quasi del tutto rilassata. Il sonno è pesante. Una volta raggiunto questo stadio, che dura 30/50 minuti, il sonno si alleggerisce di nuovo; per poi entrare nella fase REM.

La fase REM

HypnogrammaDurante la fase REM (o fase del sonno paradosso) sono caratteristici movimenti oculari rapidi (Rapid Eye Movement), è detta fase del sonno paradossale; poiché il cervello è molto attivo, con gli occhi che si muovo rapidamente e la muscolatura praticamente paralizzata. La temperatura corporea si abbassa, mentre il ritmo cardiaco diventa irregolare e il respiro più rapido. Infine aumenta anche la pressione arteriosa.

Il cervello produce onde θ diverse durante la fase REM rispetto a quelle prodotte nello stadio del sonno leggero, assieme a brevi flussi di onde α e onde β (beta).
Questa attività cerebrale sollecita la produzione di sogni; mentre la muscolatura volontaria è praticamente immobile, il subconscio si attiva a causa dell’attività cerebrale.
Prima che il sonno giunga alla fase REM solitamente passano 90 minuti, dopo i quali il ciclo riparte dallo stadio 1 della fase NREM. Si può ipotizzare che lo studio delle fasi del sonno possa contribuire ad aumentare la conoscenza sui disturbi del sonno.

Per visualizzare le offerte “Materassiedoghe” clicca QUI

Fonti: https://www.webmd.com/sleep-disorders/guide/sleep-101

Back To Top

Solo per oggi domenica, 11 aprile 2021

EXTRA SCONTO 10%*
su TUTTO il catalogo!

*Lo sconto verrà applicato automaticamente nel carrello