skip to Main Content

Nuovo orario lavorativo? Come ripristinare la routine del sonno.

Avere una normale routine di sonno, ovvero andare a letto e svegliarsi alla stessa ora ogni giorno, può aiutare il tuo orologio biologico a sincronizzarsi con quando hai bisogno di sentirti sveglio e quando vuoi avere sonno. Ma quando le nuove ore di lavoro ti costringono a svegliarti molto prima o più tardi rispetto a prima, far sì che il tuo programma di sonno segua l’esempio è impegnativo. Queste strategie intelligenti possono aiutare.

Vai graduale

Il tuo corpo non può sopportare un cambiamento enorme nella tua routine del sonno: ecco perché il jet lag accompagna spesso un viaggio in un altro fuso orario. Se sai che cambierai le tue ore di sveglia, pianifica in anticipo e sposta il tuo programma del sonno verso l’alto o indietro con incrementi di 15 minuti nelle diverse settimane che precedono il turno. Ad esempio, se ti svegliavi alle 7:30 e il tuo nuovo lavoro richiede una sveglia alle 6 del mattino, ci vorranno sei mattine per spostare la sveglia prima per stabilirti correttamente sul tuo nuovo orario di sveglia. Può sembrare noioso, ma piccoli cambiamenti rendono la regolazione molto più semplice.

L’influenza della luce

Il tuo corpo fa affidamento sulla luce (o sulla sua mancanza) per segnali che è ora di essere sveglio o ora di andare a letto. La luce influisce sulla produzione del tuo corpo di melatonina, un ormone che incoraggia la sonnolenza. Per aiutarti a regolare il tuo programma di sonno, apri le persiane o accendi le luci nella tua stanza non appena ti svegli e abbassale mentre ti prepari per andare a letto. Se il tuo programma del sonno non è sincronizzato con il giorno e la notte (ad esempio, se sei un lavoratore a turni), usa tende oscuranti per rendere la tua camera da letto il più buia possibile e quando ti svegli, accendi una luce in modo da poter illuminare gradualmente la tua stanza al risveglio, imitando un’alba.

Una routine di sonno intelligente

Quando il tuo programma di sonno è in continuo mutamento, potresti trovarti più stanco del solito. Mentre un breve pisolino di 20 minuti nel primo pomeriggio può darti una sferzata di energia, dormire molto più a lungo o troppo vicino all’ora di andare a dormire confonderà i ritmi del sonno del tuo corpo ancora più di quanto non lo siano già. Quindi, se sei stanco ma è quasi l’ora di cena, prova a fare il pieno e vai a letto presto.

Per visualizzare le offerte “Materassiedoghe” clicca QUI

 

Gli incubi

Incubi e terrori notturni sono entrambi spaventosi e possono causare disturbi del sonno, ma non sono la stessa cosa. Conoscere alcune delle principali differenze può aiutarti a capire cosa sta succedendo e scoprire i possibili passaggi che puoi intraprendere per migliorare il sonno.

Incubi o terrori notturni?

Gli incubi si verificano più spesso durante il sonno REM, quando il cervello è più incline a sogni vividi. Poiché si verificano durante il sonno REM, gli incubi si verificano spesso più tardi durante la notte o nelle prime ore del mattino quando il cervello raggiunge quella parte del ciclo del sonno. I terrori notturni, d’altra parte, tendono a manifestarsi prima, durante il sonno non REM. Gli incubi vengono ricordati vividamente. In genere, qualcuno che vive un incubo si sveglierà immediatamente con un ricordo abbastanza chiaro del brutto sogno. Spesso i bambini vorranno parlare del brutto sogno e chiedere ai genitori di rassicurarli che è tutto a posto. D’altra parte, qualcuno che sperimenta un terrore notturno può gridare, sonnambulismo o apparire spaventato per diversi minuti prima di rilassarsi di nuovo nel sonno. Più tardi, quella persona avrà solo un vago ricordo del sogno. Sebbene possa essere angosciante da vedere, i terrori notturni non sono dannosi ed è probabile che il dormiente non lo ricordi nemmeno al mattino.

Sebbene chiunque possa sperimentare un incubo o un terrore notturno, quest’ultimo è molto più comune nei bambini rispetto agli adulti, soprattutto se hanno un’età compresa tra i quattro e gli otto anni. I terrori notturni in genere scompaiono da soli quando un bambino invecchia. Gli incubi, nel frattempo, possono colpire qualsiasi età.

Che si tratti di terrori notturni o incubi, se sogni spaventosi tengono svegli te o tuo figlio di notte per diverse notti (o settimane) di seguito, considera di parlare con il tuo medico o con il pediatra di tuo figlio. Le interruzioni del sonno, che tu le ricordi o meno, possono influire negativamente sui livelli di energia diurna, portando a una spirale negativa di eventi. Discuti la situazione con un esperto medico per assicurarti che tuo figlio, e tu, dormiate bene la notte di cui avete bisogno per una vita sana.

 

Per visualizzare le offerte “Materassiedoghe” clicca QUI

Il fitness aiuta gli anziani a restare in forma e di buon umore

Questi semplici suggerimenti ti aiuteranno a iniziare in sicurezza un programma fitness per anziani e renderlo divertente. Non importa la tua età, non è mai troppo tardi per mettersi in forma. Ci sono molte ragioni per cui tendiamo a rallentare e diventare più sedentari con l’età. Potrebbe essere dovuto a problemi di salute, problemi di peso, dolore o preoccupazioni. O forse pensi che fare esercizio semplicemente non fa per te. Ma invecchiando, uno stile di vita attivo diventa più importante che mai per la tua salute.

Un recente studio svedese ha scoperto che l’attività fisica è stata il contributo numero uno alla longevità, aggiungendo anni in più alla tua vita, anche se non inizi a fare esercizio fino ai tuoi anni da senior. Ma diventare attivi non significa solo aggiungere anni alla tua vita, si tratta di aggiungere vita ai tuoi anni. Muoversi può aiutarti ad aumentare la tua energia, mantenere la tua indipendenza, proteggere il tuo cuore e gestire i sintomi di malattia o dolore, oltre al tuo peso. L’esercizio fisico regolare fa bene anche alla mente, all’umore e alla memoria.

Iniziare in sicurezza un piano fitness per anziani

Diventare attivi è una delle decisioni più sane che puoi prendere con l’età, ma è importante farlo in sicurezza. Ottieni l’autorizzazione medica dal tuo medico prima di iniziare un programma di esercizi, soprattutto se hai una condizione preesistente. Chiedi se ci sono attività da evitare. Considera i problemi di salute. Tieni presente come i tuoi problemi di salute in corso influenzano i tuoi allenamenti. Ad esempio, i diabetici potrebbero dover regolare i tempi dei farmaci e dei piani alimentari quando si imposta un programma di esercizi.

Ascolta il tuo corpo. L’esercizio fisico non dovrebbe mai ferirti o farti sentire schifo. Interrompi immediatamente l’esercizio e chiama il medico se avverti capogiri o fiato corto, sviluppa dolore o pressione al torace, se sudi freddo o provi dolore. E sospendi la tua routine se un’articolazione è arrossata, gonfia o sensibile al tatto: il modo migliore per far fronte alle lesioni è evitarle in primo luogo. Se provi regolarmente dolore o disagio dopo l’allenamento, prova ad allenarti per meno tempo ma più frequentemente durante il giorno.

Se non sei attivo da un po’ di tempo, sviluppa il tuo programma di esercizi poco a poco. Prova a distanziare gli allenamenti con incrementi di dieci minuti due volte al giorno. Oppure prova solo una lezione alla settimana. Se sei preoccupato di cadere o hai un problema cardiaco in corso, inizia con esercizi sulla poltrona per aumentare lentamente la tua forma fisica e la tua sicurezza.

Impegnati in un programma di esercizi per almeno 3 o 4 settimane in modo che diventi un’abitudine e sforzati di mantenerlo. È molto più facile se trovi attività che ti piacciono.

Fitness per anziani: Benefici per la salute fisica

Ti aiuta a mantenere o perdere peso. Poiché il metabolismo rallenta naturalmente con l’età, mantenere un peso sano è una sfida. L’esercizio fisico aiuta ad aumentare il metabolismo e costruisce la massa muscolare, aiutando a bruciare più calorie. Riduce l’impatto di influenze e malattie croniche. Le persone che fanno esercizio tendono ad avere un migliore funzionamento immunitario e digestivo, una migliore pressione sanguigna e densità ossea e un minor rischio di malattia di Alzheimer, diabete, obesità, malattie cardiache, osteoporosi e alcuni tipi di cancro.

Migliora la mobilità, la flessibilità e l’equilibrio. L’esercizio migliora la forza, la flessibilità e la postura, il che a sua volta aiuta con l’equilibrio, la coordinazione e riduce il rischio di cadute. L’allenamento della forza aiuta anche ad alleviare i sintomi di condizioni croniche come l’artrite.

Benefici per la salute mentale del fitness per anziani

Migliora il sonno. Un sonno di qualità è vitale per la tua salute generale. Un’attività regolare può aiutarti ad addormentarti più velocemente, dormire più profondamente e svegliarti sentendoti più energico e riposato. Migliora inoltre l’umore e la fiducia in se stessi. L’esercizio fisico è un enorme antistress e le endorfine prodotte possono effettivamente aiutare a ridurre i sentimenti di tristezza, depressione o ansia. Essere attivi e sentirsi forti in modo naturale ti aiuta a sentirti più sicuro di te.

Fa cose incredibili per il cervello. Attività come il sudoku o le parole crociate possono aiutare a mantenere attivo il cervello, ma poco si avvicina agli effetti benefici dell’esercizio sul cervello. Può aiutare le funzioni cerebrali diverse come il multitasking e la creatività e può aiutare a prevenire la perdita di memoria, il declino cognitivo e la demenza. Diventare attivi può anche aiutare a rallentare la progressione dei disturbi cerebrali come il morbo di Alzheimer.

Iniziare o mantenere una routine di allenamento regolare può essere una sfida a qualsiasi età e non diventa più facile con l’avanzare dell’età. Potresti sentirti scoraggiato da problemi di salute, dolori o preoccupazioni per lesioni o cadute. Se non ti sei mai allenato prima, potresti non sapere da dove cominciare, o forse pensi di essere troppo vecchio o fragile e non potrai mai essere all’altezza degli standard che ti sei posto quando eri più giovane. O forse pensi solo che l’esercizio sia noioso. Sebbene questi possano sembrare buoni motivi per rallentare e prendersela comoda con l’avanzare dell’età, sono anche motivi migliori per muoverti. Diventare più attivi può stimolare il tuo umore, alleviare lo stress, aiutarti a gestire i sintomi di malattia e dolore e migliorare il tuo senso generale di benessere. E raccogliere i frutti dell’esercizio fisico non deve comportare allenamenti faticosi o viaggi in palestra. Puoi ottenere i benefici dall’aggiunta di più movimento e attività alla tua vita, anche in piccoli modi. Indipendentemente dalla tua età o condizione fisica, non è mai troppo tardi per far muovere il tuo corpo, migliorare la tua salute e le tue prospettive e migliorare il tuo modo di invecchiare.

Costruire un piano di esercizi equilibrato

Rimanere attivi non è una scienza. Ricorda solo che mescolare diversi tipi di attività fisica aiuta sia a mantenere i tuoi allenamenti interessanti che a migliorare la tua salute generale. La chiave è trovare attività che ti piacciono, basate sui quattro elementi costitutivi del fitness per anziani. Questi sono:

1: Equilibrio

Mantiene la posizione eretta e la stabilità, sia che tu sia fermo o in movimento. Prova lo yoga, il tai chi e gli esercizi di postura per acquisire sicurezza con l’equilibrio. Migliora l’equilibrio, la postura e la qualità della camminata. Riduce anche il rischio di cadute e la paura di cadute.

2: Cardio

Utilizza grandi gruppi muscolari in movimenti ritmici per un periodo di tempo. Gli allenamenti cardio ti fanno battere il cuore e potresti anche sentirti un po’ a corto di fiato. Include camminare, salire le scale, nuotare, fare escursioni, andare in bicicletta, canottaggio, tennis e ballo. Aiuta a ridurre la stanchezza e la mancanza di respiro. Promuove l’indipendenza migliorando la resistenza per le attività quotidiane come camminare, pulire la casa e fare commissioni.

3: Forza e allenamento di potenza

Sviluppa i muscoli con movimenti ripetitivi utilizzando il peso o la resistenza esterna del peso corporeo, delle macchine, dei pesi liberi o degli elastici. L’allenamento di potenza è spesso un allenamento di forza eseguito a una velocità maggiore per aumentare la potenza e i tempi di reazione. Inoltre può migliorare la velocità durante l’attraversamento della strada, ad esempio, o prevenire le cadute consentendoti di reagire rapidamente se inizi a inciampare o perdi l’equilibrio. Invece l’allenamento della forza aiuta a prevenire la perdita di massa ossea, costruisce i muscoli e migliora l’equilibrio, entrambi importanti per rimanere attivi ed evitare le cadute.  Sviluppare forza e potenza ti aiuterà a rimanere indipendente e semplificherà le attività quotidiane come aprire un barattolo, entrare e uscire da un’auto e sollevare oggetti.

4: Flessibilità

Sfida la capacità delle articolazioni del tuo corpo di muoversi liberamente attraverso una gamma completa di movimenti. Questo può essere fatto attraverso allungamenti stazionari e allungamenti che implicano il movimento per mantenere i muscoli e le articolazioni elastici e meno soggetti a lesioni. Lo yoga è un ottimo mezzo per migliorare la flessibilità. Perché fa bene: aiuta il tuo corpo a rimanere agile e aumenta la tua libertà di movimento per le normali attività fisiche, come guardare dietro mentre guidi, allacciarti le scarpe, lavarti i capelli e giocare con i tuoi nipoti.

E se odi fare esercizio fisico?

Se temi di allenarti, non sei solo. Ma non devi esercitarti finché non sei fradicio di sudore o ogni muscolo fa male per fare una grande differenza per la tua salute. Pensa alle attività che ti piacciono e a come puoi incorporarle in una routine di esercizi: Ascolta la musica o un audiolibro mentre sollevi pesi. Anche passeggiare per vetrine mentre si passeggia al centro commerciale. Incontra nuove persone in una lezione di yoga o in un centro fitness per anziani. Per alleggerire l’esercizio fisico, guarda un film o un programma televisivo preferito mentre sei sul tapis roulant.

Invece di chiacchierare con un amico davanti a un caffè, parla mentre cammini, fai stretching o fai esercizi di forza. Cammina sul campo da golf invece di usare un carrello. Corri, cammina o vai in bicicletta quando ti senti stressato: guarda quanto ti senti meglio dopo. Trova un compagno di esercizio, qualcuno di cui ti piace davvero la compagnia e prova attività che non hai mai provato prima: potresti trovare qualcosa che ami. Nel peggiore dei casi hai passato del tempo con un buon amico.

 

Per visualizzare le offerte “Materassiedoghe” clicca QUI

10 motivi medici per sentirsi stanchi

A tutti noi capita di sentirsi stanchi a volte, e questo può essere alleviato dal sonno e dal riposo. La stanchezza è spesso opprimente e non viene alleviata dal sonno e dal riposo. Qualsiasi malattia grave, come cancro o ictus, o il recupero da cure mediche possono farti stancare. Vediamo insieme 10 condizioni di salute note per causare stanchezza o affaticamento.

Anemia

Uno dei motivi medici più comuni per sentirsi costantemente giù di morale è l’anemia da carenza di ferro. Le donne con cicli pesanti e le donne incinte sono particolarmente inclini all’anemia. Ma può colpire anche uomini e donne in postmenopausa, quando la causa è più probabile che siano problemi allo stomaco e all’intestino, come un’ulcera o l’assunzione di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS). In genere, senti che non puoi essere disturbato da fare nulla, i tuoi muscoli si sentono pesanti e ti stanchi molto rapidamente.

È possibile avere troppo ferro, che può anche causare stanchezza, quando è noto come disturbo da sovraccarico di ferro (emocromatosi). Questa è una condizione ereditaria relativamente rara che colpisce uomini e donne di età compresa tra i 30 ei 60 anni.

Apnea del sonno

L’apnea notturna è una condizione in cui la gola si restringe o si chiude durante il sonno e interrompe ripetutamente la respirazione. Ciò si traduce in un forte russare e un calo dei livelli di ossigeno nel sangue. La difficoltà di respirazione significa che ti svegli spesso la notte e ti senti esausto il giorno successivo. È più comune negli uomini di mezza età in sovrappeso. Bere alcol e fumare peggiora la situazione.

Tiroide ipoattiva

Una ghiandola tiroidea ipoattiva significa che hai troppo poco ormone tiroideo (tiroxina) nel tuo corpo. Questo ti fa sentire stanco. È anche probabile che aumenti di peso e hai muscoli doloranti e pelle secca. È più comune nelle donne e accade più spesso con l’avanzare dell’età. Il tuo medico di famiglia può diagnosticare una tiroide ipoattiva eseguendo un esame del sangue.

Celiachia

Questa è una malattia permanente causata dalla reazione del sistema immunitario al glutine. Il glutine è una proteina presente nel pane, nei dolci e nei cereali. Una persona su 100 nel Regno Unito ne è affetta, ma la ricerca suggerisce che molti di loro non sanno di avere la condizione, secondo il gruppo di pazienti Celiac UK. Altri sintomi della celiachia, oltre alla stanchezza, sono diarrea, gonfiore, anemia e perdita di peso. Il tuo medico di famiglia può fare un esame del sangue per verificare se potresti avere la celiachia.

Sindrome dell’affaticamento cronico

La sindrome da stanchezza cronica (nota anche come encefalomielite mialgica o ME) è una stanchezza grave e invalidante che si protrae per almeno 4 mesi. Potrebbero esserci altri sintomi, come dolori muscolari o articolari.

Diabete

Uno dei sintomi principali del diabete di tipo 1 e di tipo 2 è sentirsi molto stanchi. Altri sintomi chiave sono la sensazione di molta sete, molta pipì (soprattutto di notte) e la perdita di peso. Parla con un medico di famiglia se pensi di avere i sintomi del diabete.

Febbre ghiandolare

La febbre ghiandolare è una comune infezione virale che causa affaticamento, insieme a febbre, mal di gola e ghiandole gonfie. La maggior parte dei casi si verifica in adolescenti e giovani adulti. Isintomi di solito si risolvono entro 4-6 settimane, ma l’affaticamento può persistere per diversi mesi.

Depressione

Oltre a farti sentire molto triste, la depressione può anche farti sentire privo di energie. Può impedirti di addormentarti o svegliarti presto la mattina, il che ti fa sentire più stanco durante il giorno.

Gambe irrequiete

Questo è il momento in cui senti un bisogno irrefrenabile di muovere le gambe, che può tenerti sveglio la notte. Potresti anche avere una spiacevole sensazione di gattonare o un profondo dolore alle gambe. Oppure le tue gambe potrebbero sussultare spontaneamente durante la notte. Qualunque siano i tuoi sintomi, il tuo sonno sarà disturbato e di scarsa qualità, quindi ti sentirai molto stanco per tutto il giorno.

Ansia

Sentirsi stanchi e ansiosi a volte è perfettamente normale. Ma alcune persone hanno sentimenti di ansia incontrollabili costanti che sono così forti da influenzare la loro vita quotidiana. I medici chiamano questo disturbo d’ansia generalizzato (GAD). È una condizione comune, che colpisce leggermente più donne rispetto agli uomini. Oltre a sentirsi preoccupate e irritabili, le persone con GAD spesso si sentono stanche.

Per visualizzare le offerte “Materassiedoghe” clicca QUI

Consigli di auto-aiuto per combattere la stanchezza

Molti casi di stanchezza sono dovuti a stress, sonno insufficiente, cattiva alimentazione e altri fattori legati allo stile di vita. Prova questi suggerimenti di auto-aiuto per ripristinare i tuoi livelli di energia. Se senti di soffrire di affaticamento, che è una stanchezza opprimente che non viene alleviata dal riposo e dal sonno, potresti avere una condizione medica di base. Consultare un medico di famiglia per un consiglio.

Dormi bene

Molte persone non ottengono il sonno di cui hanno bisogno per rimanere vigili durante il giorno. Il Royal College of Psychiatrists consiglia: andare a letto e alzarsi la mattina alla stessa ora ogni giorno, evitando i sonnellini durante il giorno. Infine prendersi del tempo per rilassarsi prima di andare a letto. Lo stress consuma molta energia. Cerca di introdurre attività rilassanti nella tua giornata. Questo potrebbe essere: allenarsi in palestra, yoga o tai chi, ascoltare musica o leggere e passare del tempo con gli amici. Qualunque cosa ti rilassi migliorerai la tua energia.

Ci sono alcune prove che le terapie parlanti come la consulenza o la terapia cognitivo comportamentale (CBT) potrebbero aiutare a combattere la fatica o la stanchezza causata da stress, ansia o umore basso. Rivolgiti al tuo medico di famiglia per un rinvio per parlare di trattamento sul NHS o per consigli su come vedere un terapista privato.

Mangia spesso per combattere la stanchezza

Un buon modo per mantenere la tua energia durante il giorno è mangiare pasti regolari e spuntini sani ogni 3-4 ore, piuttosto che un pasto abbondante meno spesso. Potresti inoltre sentire che l’esercizio fisico è l’ultima cosa nella tua mente. Ma, in effetti, l’esercizio fisico regolare ti farà sentire meno stanco nel lungo periodo, quindi avrai più energia. Anche una singola camminata di 15 minuti può darti una carica di energia e i benefici aumentano con un’attività fisica più frequente.

Inizia con una piccola quantità di esercizio. Aumentalo gradualmente nel corso di settimane e mesi fino a raggiungere l’obiettivo consigliato di 2,5 ore di esercizio aerobico di intensità moderata, come andare in bicicletta o camminare velocemente, ogni settimana. Se il tuo corpo ha un peso in eccesso, può essere estenuante. Inoltre mette a dura prova il tuo cuore, il che può renderti stanco. Perdi peso e ti sentirai molto più energico. Oltre a mangiare in modo sano, il modo migliore per perdere peso e tenerlo lontano è essere più attivi e fare più esercizio.

Elimina la caffeina

Il Royal College of Psychiatrists raccomanda a chiunque si senta stanco di eliminare la caffeina. Dice che il modo migliore per farlo è interrompere gradualmente l’assunzione di tutte le bevande a base di caffeina per un periodo di 3 settimane. Cerca di evitare completamente la caffeina per un mese per vedere se ti senti meno stanco senza di essa. Potresti scoprire che non consumare caffeina ti dà mal di testa. Se ciò accade, riduci più lentamente la quantità di caffeina che bevi.

Bevi meno alcol

Anche se un paio di bicchieri di vino la sera possono aiutarti ad addormentarti, dormi meno profondamente dopo aver bevuto alcolici. Il giorno dopo sarai stanco, anche se dormi ben 8 ore. Riduci il consumo di alcol prima di andare a dormire. Avrai un riposo notturno migliore e avrai più energia. Il NHS raccomanda che uomini e donne non dovrebbero bere regolarmente più di 14 unità a settimana, che equivalgono a 6 pinte di birra media o 10 bicchierini di vino a bassa intensità. Cerca di avere diversi giorni senza alcol ogni settimana. Infine bevi più acqua per una migliore energia. A volte ti senti stanco semplicemente perché sei leggermente disidratato. Un bicchiere d’acqua farà il trucco, soprattutto dopo l’esercizio.

Per visualizzare le offerte “Materassiedoghe” clicca QUI

In che modo il sonno eccessivo può influire sul metabolismo

Poche persone si preoccupano di passare troppo tempo a letto. Una o due ore in più di sonno rubato la domenica può sembrare il paradiso dopo una lunga settimana di lavoro e attività familiari. Ma lo sapevi che registrare più della quantità di riposo raccomandata può avere un impatto negativo sulla tua salute?

Per la maggior parte degli adulti, l’ideale è dormire da sette a nove ore a notte. Sebbene una piccola percentuale di persone abbia effettivamente bisogno di 10 ore, per la maggior parte degli adulti che dormono più ore rispetto alla quantità raccomandata può indicare un problema di salute sottostante. Inoltre, dormire regolarmente più della quantità suggerita può aumentare il rischio di obesità, mal di testa, mal di schiena e malattie cardiache. E uno studio recente ha scoperto che dormire troppo può mettere il corpo a rischio di problemi metabolici. Scopri di più su come il sonno eccessivo può influire sul tuo metabolismo.

Cosa dice la scienza del sonno eccessivo

In un recente studio, i ricercatori hanno analizzato la salute, le storie mediche e il totale del sonno di un gruppo di oltre 130.000 uomini e donne di età compresa tra 40 e 69 anni. Con questi dati, i ricercatori sono stati in grado di collegare il sonno inferiore a sei ore. Oltre al sonno più di 10 ore, ai casi di sindrome metabolica e sintomi correlati. Le persone con diagnosi di sindrome metabolica hanno almeno tre dei seguenti sintomi. Eccesso di grasso nella zona centrale, ipertensione, bassi livelli di colesterolo HDL o “buono”, glicemia alta a digiuno e livelli elevati di trigliceridi. Nello studio, il 29% degli uomini è stato ritenuto affetto da sindrome metabolica, mentre un quarto delle donne ne ha mostrato segni.

Ci sono alcune differenze notevoli tra i sessi quando si tratta di sonno e metabolismo. In particolare, le donne che dormono meno di sei ore a notte possono avere più grasso addominale rispetto a quelle che dormono più a lungo, mentre è probabile che gli uomini abbiano sia fianchi più grandi che una sindrome metabolica, se dormono meno di sei ore. D’altra parte, le donne che dormono 10 o più ore hanno un rischio molto più elevato di sindrome metabolica, mentre negli uomini è correlato anche a livelli di trigliceridi più elevati.

Bandiere rosse per problemi di metabolismo

Per la maggior parte delle persone, i sentimenti di eccessiva sonnolenza che insorgono anche se soddisfano le sette-nove ore raccomandate per notte possono riflettere i recenti cambiamenti nello stile di vita. Ad esempio un nuovo programma di lavoro, un trasferimento o un aumento dell’esercizio fisico. Potrebbe anche essere un segno di un disturbo come l’apnea notturna che si traduce in una scarsa qualità del sonno, lasciando le persone stanche al mattino. Potrebbero esserci altri problemi di salute in gioco, tra cui Parkinson, depressione, ansia, infezioni e disturbi gastrointestinali. Se si verifica un’eccessiva sonnolenza, è importante parlarne con il medico. Prenditi il ​​tempo per descrivere i tuoi sintomi in dettaglio che aiuterà il tuo medico a diagnosticare la tua condizione e raccomanderà il trattamento migliore adatto a te.

Per visualizzare le offerte “Materassiedoghe” clicca QUI

Pianifica! Inizia subito le routine della buonanotte

Se la routine della buonanotte di tuo figlio durante l’estate è scivolata con lo stare in piedi fino a tarda notte e dormire fino a tardi, non è mai troppo tardi per rimettere in sesto la routine della buonanotte di tuo figlio. Quando arriva il primo giorno di lezione, i corpi (e le menti) dei bambini non si adatteranno magicamente al cambiamento dei tempi. I bambini che non dormono a sufficienza corrono un rischio maggiore di avere problemi comportamentali a scuola, così come un periodo più difficile con l’apprendimento. Per preparare i bambini al successo scolastico, i genitori devono ristabilire le routine della buonanotte un paio di settimane prima dell’inizio delle lezioni. Segui questi tre passaggi per riportare tuo figlio secondo un programma che abbia senso.

1. Regolare gradualmente l’ora di andare a letto

A partire da due settimane prima del primo giorno di scuola, sposta l’ora di andare a letto di tuo figlio da cinque a 15 minuti prima durante la notte. La mattina successiva, sveglia tuo figlio (o imposta la sveglia) qualche minuto prima che si alzi. Continua questo processo ogni notte finché tuo figlio non si sveglia alla stessa ora che sarà necessaria una volta iniziata la scuola. Tieni presente: i bambini di età compresa tra i sei e i 13 anni necessitano in genere di nove-11 ore di riposo a notte, quindi ti consigliamo di pianificare un programma di sonno che lo consenta.

2. Introdurre un coprifuoco elettronico

Poni fine a qualsiasi forma di tempo davanti allo schermo, compreso l’uso di TV, computer, videogiochi e dispositivi mobili, almeno un’ora prima che tu voglia che tuo figlio si addormenti; l’esposizione a questi dispositivi può ritardare l’inizio del sonno e abbreviarne la durata. Anche se i tuoi figli potrebbero non rendersene conto, la luce blu artificiale emessa da questi schermi può sopprimere il rilascio da parte del corpo dell’ormone melatonina che induce il sonno, aumentando così la vigilanza e ripristinando l’orologio interno del tuo bambino (o ritmo circadiano) a un orario successivo.

3. Creare una routine tranquilla per rilassarsi

Per circa un’ora prima di voler spegnere le luci per la notte, dedica del tempo a te e al tuo bambino per svolgere attività tranquille, come fare il bagno, leggere un libro insieme, raccontare storie, ascoltare musica rilassante, disegnare o colorare o intraprendere un’altra esperienza rilassante che preparerà il terreno per una buona notte di sonno. Ripetere questa routine prima del sonno ogni notte nelle settimane che precedono il primo giorno di scuola aiuterà tuo figlio a imparare ad anticipare il tempo del sonno, rendendo più facile per tutti una volta ricominciata la scuola.

Per visualizzare le offerte “Materassiedoghe” clicca QUI

Perché la mancanza di sonno fa male alla salute

Molti effetti della mancanza di sonno, come sentirsi di malumore e non lavorare al meglio, sono ben noti. Ma lo sapevi che la privazione del sonno può avere conseguenze profonde anche sulla tua salute fisica? Uno su 3 di noi soffre di un sonno povero, stress e spesso la colpa è quella di portare a casa il lavoro. Tuttavia, il costo di tutte quelle notti insonni è più del semplice cattivo umore e mancanza di concentrazione. Un sonno scarso e regolare ti mette a rischio di gravi condizioni mediche, tra cui obesità, malattie cardiache e diabete, e riduce la tua aspettativa di vita. È ormai chiaro che una buona notte di sonno è essenziale per una vita lunga e sana.

Di quanto sonno abbiamo bisogno?

La maggior parte di noi ha bisogno di circa 8 ore di sonno di buona qualità a notte per funzionare correttamente, ma alcuni hanno bisogno di più e altri meno. Ciò che conta è scoprire quanto sonno hai bisogno e poi provare a raggiungerlo. Come regola generale, se ti svegli stanco e trascorri la giornata desiderando avere la possibilità di fare un pisolino, è probabile che tu non dorma abbastanza.

Una varietà di fattori può causare uno scarso sonno, comprese condizioni di salute come l’apnea notturna. Ma nella maggior parte dei casi, è dovuto a cattive abitudini di sonno. Tutti hanno sperimentato la stanchezza, l’irritazione e la mancanza di concentrazione che spesso seguono un sonno notturno povero. Una notte occasionale senza dormire ti fa sentire stanco e irritabile il giorno successivo, ma non danneggerà la tua salute.

Dopo diverse notti insonni, gli effetti mentali diventano più gravi. Il tuo cervello si annebbia, rendendo difficile concentrarsi e prendere decisioni. Inizierai a sentirti giù e potresti addormentarti durante il giorno. Aumenta anche il rischio di lesioni e incidenti a casa, al lavoro e in viaggio. Se continua, la mancanza di sonno può influire sulla tua salute generale e renderti incline a gravi condizioni mediche, come obesità, malattie cardiache, ipertensione e diabete.

7 modi in cui una buona notte di sonno può migliorare la tua salute

  1. Il sonno aumenta l’immunità
    Se ti sembra di prendere ogni raffreddore e influenza che sta succedendo, la colpa potrebbe essere l’ora di andare a letto. La mancanza prolungata di sonno può disturbare il tuo sistema immunitario, quindi sei meno in grado di respingere gli insetti.
  2. Il sonno può farti dimagrire
    Dormire di meno può significare aumentare di peso! Gli studi hanno dimostrato che le persone che dormono meno di 7 ore al giorno tendono ad aumentare di peso e hanno un rischio maggiore di diventare obesi rispetto a quelle che dormono 7 ore. Si ritiene che ciò sia dovuto al fatto che le persone prive di sonno hanno livelli ridotti di leptina (la sostanza chimica che ti fa sentire pieno) e livelli aumentati di grelina (l’ormone che stimola la fame).
  3. Il sonno aumenta il benessere mentale
    Dato che una sola notte insonne può renderti irritabile e lunatico il giorno successivo, non sorprende che il debito cronico del sonno possa portare a disturbi dell’umore a lungo termine come depressione e ansia. Quando le persone con ansia o depressione sono state intervistate per calcolare le loro abitudini di sonno, si è scoperto che la maggior parte di loro dormiva meno di 6 ore a notte.
  4. Il sonno previene il diabete
    Gli studi hanno suggerito che le persone che di solito dormono meno di 5 ore a notte hanno un aumentato rischio di sviluppare il diabete. Sembra che perdere il sonno profondo possa portare al diabete di tipo 2 cambiando il modo in cui il corpo elabora il glucosio, che il corpo utilizza per produrre energia.
  5. Il sonno aumenta il desiderio sessuale
    Gli uomini e le donne che non dormono abbastanza di qualità hanno una libido inferiore e un minore interesse per il sesso, suggerisce la ricerca. Gli uomini che soffrono di apnea notturna, un disturbo in cui le difficoltà respiratorie portano a un sonno interrotto, tendono anche ad avere livelli di testosterone più bassi, che possono abbassare la libido.
  6. Il sonno allontana le malattie cardiache
    La privazione del sonno di lunga durata sembra essere associata ad un aumento della frequenza cardiaca, un aumento della pressione sanguigna e livelli più elevati di alcune sostanze chimiche legate all’infiammazione, che possono mettere a dura prova il tuo cuore.
  7. Il sonno aumenta la fertilità
    La difficoltà a concepire un bambino è stata dichiarata come uno degli effetti della privazione del sonno, sia negli uomini che nelle donne. Apparentemente, interruzioni del sonno regolari possono causare problemi di concepimento riducendo la secrezione di ormoni riproduttivi.

Come recuperare il sonno perso

Se non dormi abbastanza, c’è solo un modo per compensare: dormire di più. Non accadrà con una sola prima notte. Se hai avuto mesi di sonno limitato, avrai accumulato un debito di sonno significativo, quindi aspettati che il recupero richieda diverse settimane. A partire da un fine settimana, prova ad aggiungere un’ora o due in più di sonno a notte. Il modo per farlo è andare a letto quando sei stanco e lasciare che il tuo corpo ti svegli al mattino (non sono consentite le sveglie!).

Aspettati di dormire per più di 10 ore a notte all’inizio. Dopo un po’, la quantità di tempo in cui dormi diminuirà gradualmente fino a raggiungere un livello normale. Non fare affidamento sulla caffeina o sulle bevande energetiche come stimoli a breve termine. Possono aumentare temporaneamente la tua energia e concentrazione, ma possono disturbare ulteriormente i tuoi schemi di sonno a lungo termine.

Per visualizzare le offerte “Materassiedoghe” clicca QUI

Suggerimenti per un buon riposo per i tuoi figli

Un buon sonno è importante per il benessere fisico e mentale dei bambini. Una routine rilassante prima di coricarsi è un modo importante per aiutare tuo figlio a dormire bene la notte.

Suggerimenti rilassamento per aiutare a dormire

Fare le stesse cose rilassanti nello stesso ordine e alla stessa ora ogni notte aiuta a favorire un buon sonno ai bambini. Un bagno caldo aiuterà il tuo bambino a rilassarsi e prepararsi per dormire. Inoltre mantenere le luci soffuse incoraggia il corpo di tuo figlio a produrre l’ormone del sonno, la melatonina. Una volta a letto, incoraggia tuo figlio a leggere in silenzio o ad ascoltare della musica rilassante oppure a leggere una storia insieme.

Potresti anche suggerire a tuo figlio di provare questo esercizio di respirazione rilassante prima di andare a letto. La quantità di sonno di cui tuo figlio ha bisogno cambia man mano che cresce. Ad esempio, un bambino di 5 anni ha bisogno di circa 11 ore a notte, mentre un bambino di 9 anni ha bisogno di circa 10 ore. Evita gli schermi in camera da letto: Tablet, smartphone, TV e altri gadget elettronici possono influire sulla facilità con cui i bambini si addormentano.

I bambini più grandi possono anche stare alzati fino a tardi o addirittura svegliarsi nel cuore della notte per utilizzare i social media. Cerca di mantenere la camera da letto di tuo figlio in una zona senza schermo e convincilo a caricare i suoi telefoni in un’altra stanza. Incoraggia tuo figlio a smettere di usare gli schermi un’ora prima di andare a dormire. Inoltre la camera da letto di tuo figlio dovrebbe idealmente essere buia, silenziosa e ordinata. Dovrebbe essere ben ventilato e mantenuto a una temperatura di circa 16-20 ° C. Monta delle tende spesse per bloccare la luce del giorno. Se fuori c’è rumore, considera di investire in doppi vetri. Oppure per un’opzione più economica, offri i tappi per le orecchie a tuo figlio.

Se hai provato questi suggerimenti ma tuo figlio continua ad avere problemi ad addormentarsi o dormire tutta la notte, potresti sentire un dottore per avere più supporto. Puoi parlare con il tuo medico di famiglia o con il medico curante. Potrebbero indirizzarti a uno psicologo infantile o a un altro esperto.

Quanto sonno hanno bisogno i bambini

Di seguito sono riportate le ore di sonno approssimative necessarie ai bambini di età diverse, come raccomandato dalla Millpond Children’s Sleep Clinic.

  • 1 settimana
    durante il giorno: 8 ore
    notte: 8 ore e 30 minuti
  • 4 settimane
    durante il giorno: da 6 a 7 ore
    notte: dalle 8 alle 9 ore
  • 3 mesi
    durante il giorno: da 4 a 5 ore
    notte: dalle 10 alle 11 ore
  • 6 mesi
    durante il giorno: 3 ore
    notte: 11 ore
  • 9 mesi
    durante il giorno: 2 ore e 30 minuti
    notte: 11 ore
  • 12 mesi
    durante il giorno: 2 ore e 30 minuti
    notte: 11 ore
  • 2 anni
    durante il giorno: 1 ora e 30 minuti
    notte: 11 ore e 30 minuti
  • 3 anni
    durante il giorno: da 0 a 45 minuti
    notte: da 11 ore e 30 minuti a 12 ore
  • 4 anni
    notte: 11 ore e 30 minuti
  • 5 anni
    notte: 11 ore
  • 6 anni
    notte: 10 ore e 45 minuti
  • 7 anni
    notte: 10 ore e 30 minuti
  • 8 anni
    notte: 10 ore e 15 minuti
  • 9 anni
    notte: 10 ore
  • 10 anni
    notte: 9 ore e 45 minuti
  • 11 anni
    notte: 9 ore e 30 minuti
  • 12 anni
    notte: 9 ore e 15 minuti
  • 13 anni
    notte: 9 ore e 15 minuti
  • 14 anni
    notte: 9 ore
  • 15 anni
    notte: 9 ore
  • 16 anni
    notte: 9 ore

Per visualizzare le offerte “Materassiedoghe” clicca QUI

Social media e salute mentale

Mentre molti di noi amano rimanere in contatto sui social media, un uso eccessivo può alimentare sentimenti di ansia, depressione e isolamento. Ecco come modificare le tue abitudini e migliorare il tuo umore.

Il ruolo dei social media nella salute mentale

Gli esseri umani sono creature sociali. Abbiamo bisogno della compagnia degli altri per prosperare nella vita e la forza delle nostre connessioni ha un enorme impatto sulla nostra salute mentale e felicità. Essere socialmente connessi con gli altri può alleviare lo stress, l’ansia e la depressione, aumentare l’autostima. Oltre che fornire conforto e gioia, prevenire la solitudine e persino aggiungere anni alla tua vita. D’altro canto, la mancanza di forti legami sociali può rappresentare un serio rischio per la tua salute mentale ed emotiva.

Nel mondo di oggi, molti di noi si affidano a piattaforme di social media come Facebook, Twitter, Snapchat, YouTube e Instagram per trovarsi e connettersi tra loro. Sebbene ognuno abbia i suoi vantaggi, è importante ricordare che i social non possono mai sostituire la connessione umana nel mondo reale. Serve il contatto di persona con gli altri per attivare gli ormoni che alleviano lo stress e per farti sentire più felice, sano e più positivo. Ironia della sorte per una tecnologia progettata per avvicinare le persone, passare troppo tempo a interagire con i social media può effettivamente farti sentire più solo e isolato e aggravare i problemi di salute mentale come ansia e depressione.

Se trascorri una quantità eccessiva di tempo sui social e sentimenti di tristezza, insoddisfazione, frustrazione o solitudine influiscono sulla tua vita, potrebbe essere il momento di riesaminare le tue abitudini online e trovare un equilibrio più sano.

Gli aspetti positivi dei social media

Sebbene l’interazione virtuale sui social non abbia gli stessi benefici psicologici del contatto faccia a faccia, ci sono ancora molti modi positivi in ​​cui può aiutarti a rimanere in contatto e sostenere il tuo benessere. I social media ti consentono di: Comunicare e rimanere aggiornato con la famiglia e gli amici in tutto il mondo, trovare nuovi amici e comunità; creare una rete con altre persone che condividono interessi o ambizioni simili o partecipare e promuovere cause utili. Inoltre i social ti aiutano a trovare uno sbocco per la tua creatività e auto-espressione.

Gli aspetti negativi dei social media

Poiché si tratta di una tecnologia relativamente nuova, sono poche le ricerche per stabilire le conseguenze a lungo termine, buone o cattive, dell’uso dei social media. Tuttavia, diversi studi hanno trovato un forte legame tra i social media e un aumentato rischio di depressione, ansia, solitudine, autolesionismo e persino pensieri suicidi.

I social media possono promuovere esperienze negative come: Inadeguatezza della tua vita o del tuo aspetto. Anche se sai che le immagini che stai visualizzando sui social sono manipolate, possono comunque farti sentire insicuro su come appari o su cosa sta succedendo nella tua vita. Allo stesso modo, siamo tutti consapevoli che le altre persone tendono a condividere solo i punti salienti della loro vita, raramente i punti bassi che tutti sperimentano. Ma ciò non diminuisce quei sentimenti di invidia e insoddisfazione quando scorri le foto di un amico in vacanza al mare tropicale o leggi la loro nuova entusiasmante promozione al lavoro.

Il lato oscuro dei social media

Siti come Facebook e Instagram sembrano intensificare la sensazione che gli altri si stiano divertendo di più o vivendo una vita migliore di te. L’idea che ti stai perdendo certe cose può avere un impatto sulla tua autostima, innescare ansia e alimentare un utilizzo ancora maggiore dei social media. Uno studio presso l’Università della Pennsylvania ha rilevato che un elevato utilizzo di Facebook, Snapchat e Instagram, aumenta la sensazione di solitudine. Al contrario, lo studio ha rilevato che ridurre l’utilizzo dei social media può effettivamente farti sentire meno solo e isolato e migliorare il tuo benessere generale.

Gli esseri umani hanno bisogno del contatto faccia a faccia per essere mentalmente sani. Niente riduce lo stress e migliora il tuo umore più velocemente o in modo più efficace del contatto visivo con qualcuno che si prende cura di te. Più dai la priorità all’interazione sui social media rispetto alle relazioni di persona, più sei a rischio di sviluppare o esacerbare disturbi dell’umore come ansia e depressione. Le piattaforme di social media come Twitter possono essere punti caldi per la diffusione di voci offensive, bugie e abusi che possono lasciare cicatrici emotive durature. Circa il 10% degli adolescenti riferisce di essere stato vittima di bullismo sui social media e molti altri utenti sono soggetti a commenti offensivi.

Aiutare un bambino o un adolescente con un uso malsano dei social

L’infanzia e l’adolescenza possono essere piene di sfide evolutive e pressioni sociali. Per alcuni bambini, i social media hanno un modo per intensificare questi problemi e alimentare ansia, bullismo, depressione e problemi di autostima. Se sei preoccupato per l’uso dei social da parte di tuo figlio, potresti essere tentato di confiscare semplicemente il suo telefono o altro dispositivo. Ma questo può creare ulteriori problemi, separando tuo figlio dai suoi amici e dagli aspetti positivi dei social . Invece, ci sono altri modi per aiutare tuo figlio a utilizzare Facebook, Instagram e altre piattaforme in modo più responsabile.

Monitora e limita l’utilizzo dei social media da parte di tuo figlio. Più conosci il modo in cui tuo figlio interagisce sui social media, meglio sarai in grado di affrontare eventuali problemi. Le app per il controllo parentale possono aiutare a limitare l’utilizzo dei dati di tuo figlio o limitare l’uso del telefono a determinati momenti della giornata. Puoi anche regolare le impostazioni sulla privacy sulle diverse piattaforme per limitare la loro potenziale esposizione a bulli o predatori.

Confrontati con tuo figlio

Parla a tuo figlio dei problemi di fondo. I problemi con l’uso dei social media possono spesso mascherare problemi più profondi. Tuo figlio ha problemi ad adattarsi a scuola? Soffrono di timidezza o ansia sociale? I problemi a casa causano loro stress? Ad esempio, potresti vietare i social fino a quando tuo figlio non ha completato i compiti la sera. Oppure non consentire i telefoni a tavola o in camera da letto e pianificare attività familiari che precludono l’uso di telefoni o altri dispositivi. Per evitare problemi di sonno, insisti sempre che i telefoni siano spenti almeno un’ora prima di andare a letto.

Insegna a tuo figlio come i social non riflettono accuratamente la vita delle persone. Non dovrebbero confrontare se stessi o la propria vita negativamente con gli altri sui social media. Le persone pubblicano solo ciò che vogliono che gli altri vedano. Le immagini vengono manipolate e selezionate con cura. E avere meno amici sui social non rende tuo figlio meno popolare o meno degno. Più tuo figlio è impegnato offline, meno il suo umore e il suo senso di autostima dipenderanno dal numero di amici, mi piace o condivisioni che hanno sui social media.

Come limitare l’utilizzo dei social media

Uno studio dell’Università della Pennsylvania del 2018 ha rilevato che la riduzione dell’uso dei social a 30 minuti al giorno ha comportato una significativa riduzione dei livelli di ansia, depressione, solitudine, problemi di sonno. Ma non è necessario ridurre drasticamente l’uso dei social media per migliorare la tua salute mentale. Lo stesso studio ha concluso che il semplice fatto di essere più consapevoli dell’uso dei social può avere risultati benefici sul tuo umore e concentrazione.

Anche se 30 minuti al giorno potrebbero non essere un obiettivo realistico per molti di noi, possiamo comunque trarre vantaggio dalla riduzione della quantità di tempo che dedichiamo ai social media. Per la maggior parte di noi, ciò significa ridurre la quantità di utilizzo dei nostri smartphone. Usa un’app per monitorare quanto tempo trascorri ogni giorno sui social media. Quindi stabilisci un obiettivo per quanto vuoi ridurlo. Oppure spegni il telefono in determinati momenti della giornata, ad esempio quando guidi, in riunione, in palestra, a cena, trascorri del tempo con gli amici offline o giochi con i tuoi figli. Non portare il telefono con te in bagno o nel letto.

Cosa spinge a utilizzare i social media?

Oggigiorno, la maggior parte di noi accede ai social media tramite i nostri smartphone o tablet. Anche se questo rende molto comodo tenersi in contatto, significa anche che i social media sono sempre accessibili. Questa iper-connettività 24 ore su 24 può innescare problemi di controllo degli impulsi, avvisi e notifiche costanti che influenzano la tua concentrazione, disturbano il tuo sonno e ti rendono schiavo del tuo telefono.

Le piattaforme di social media sono progettate per catturare la tua attenzione, tenerti online e farti controllare ripetutamente lo schermo per gli aggiornamenti. È il modo in cui le aziende guadagnano. Ma, proprio come una compulsione al gioco o una dipendenza da nicotina, alcol o droghe, l’uso dei social media può creare voglie psicologiche. Quando si riceve un like, una condivisione o una reazione favorevole a un post, può innescare il rilascio di dopamina nel cervello, la stessa sostanza chimica “ricompensa” che segue la vittoria su una slot machine per esempio. Più sei ricompensato, più tempo vuoi dedicare ai social media, anche se diventa dannoso per altri aspetti della tua vita.

Altre cause di utilizzo malsano dei social media

Il tuo uso intenso dei social potrebbe mascherare altri problemi sottostanti, come stress, depressione o noia. Se trascorri più tempo sui social media quando ti senti giù, solo o annoiato, potresti usarlo come un modo per distrarti da sentimenti spiacevoli o per calmare i tuoi umori. Anche se all’inizio può essere difficile, lasciarti sentire può aprirti a trovare modi più sani per gestire i tuoi stati d’animo. Ognuno è diverso e non c’è una quantità specifica di tempo speso sui social media, o la frequenza con cui controlli gli aggiornamenti. Piuttosto, ha a che fare con l’impatto che il tempo trascorso sui social media ha sul tuo umore e su altri aspetti della tua vita, insieme alle tue motivazioni per usarli.

Ad esempio, l’uso dei social può essere problematico se ti fa trascurare le relazioni faccia a faccia, ti distrae dal lavoro o dalla scuola o ti fa sentire invidioso, arrabbiato o depresso. Allo stesso modo, se sei motivato a utilizzare i social mdia solo perché sei annoiato o solo, o vuoi pubblicare qualcosa per rendere gli altri gelosi o turbati, potrebbe essere il momento di rivalutare le tue abitudini sui social media.

Per visualizzare le offerte “Materassiedoghe” clicca QUI

 

Back To Top