skip to Main Content
SPEDIZIONE SEMPRE GRATUITA!

Hai mai sofferto di allucinazioni uditive durante il sonno?

Ti è mai capitato mentre dormi di sentire voci e suoni che in realtà non ci sono? Quello che stai vivendo sono alcune allucinazioni uditive legate al sonno. Vale a dire, soffri di allucinazioni ipnagogiche (se è prima di dormire) o ipnopompiche (se è giusto prima di svegliarti), che possono anche creare visioni, gusti e altre sensazioni che non ci sono.

Queste allucinazioni ipnagogiche sono vissute da più di un quarto della popolazione generale. Solo un numero molto limitato di queste esperienze è in realtà sintomo di fenomeni patologici che potrebbero richiedere il coinvolgimento della psichiatria o della neurologia. Tuttavia, per sicurezza, vediamo in dettaglio come si verificano queste allucinazioni uditive, cosa potrebbe causarle e come affrontarle.

Sintomi delle allucinazioni uditive

Il principale e probabilmente unico sintomo delle allucinazioni uditive è sentire i suoni che non sono presenti con la stessa chiarezza come se fossero effettivamente presenti. Il carattere specifico di questi suoni non ha alcun significato. Poiché possono variare a seconda della memoria audio che abbiamo immagazzinato nel nostro cervello. In generale, sono suoni privi di significato che emergono dal nostro subconscio senza uno scopo chiaro. Ma a volte possono anche essere camuffati da un pezzo musicale composto.

Nelle allucinazioni ipnagogiche, che sono le allucinazioni che sperimentiamo subito prima di addormentarci, potrebbero essere accompagnate da immagini visive realistiche e anche altre sensazioni. Potrebbero avere tutte le qualità di un sogno senza che tu abbia ancora raggiunto il sonno REM o addirittura abbandoni la tua coscienza. Pertanto, potresti pensare di essere appena entrato in un nuovo flusso di realtà e avere pensieri in corsa a causa di tutti questi strani stimolanti. 

È qui che i sintomi potrebbero prendere una svolta più seria e avere effetti collaterali. Se gli oggetti allucinati hanno un senso, potresti provare a combatterli a causa della somiglianza con la vita dell’esperienza e potresti farti del male inconsapevolmente.

Possibili cause delle allucinazioni uditive

Come per la maggior parte delle condizioni mediche, anche lo stress e l’ansia sono la principale causa alla base dei disturbi del sonno. In particolare quelli che si verificano tra il sonno e la veglia, come le allucinazioni uditive. Tuttavia, la ricerca indica che potrebbero esserci più cause che vanno da dipendenze come l’abuso di alcol e droghe agli effetti collaterali temporanei di un medicinale e a una causa ancora più grave come la schizofrenia o il morbo di Parkinson. 

Non c’è modo di fermare il nostro cervello: che siamo consci, inconsci o completamente arresi alle attività spietate del nostro subconscio, il nostro cervello troverà il modo di creare reazioni chimiche. A causa di un evento, di una persona o di una responsabilità che potrebbe causarci stress, il nostro cervello si assume la responsabilità di avvertirci e stimolarci in modi certamente indecifrabili.

Non si può negare il fatto che le dipendenze possono cambiare radicalmente il modo in cui una persona si sente e vive il mondo. La presenza di alcol e droghe o la loro mancanza porterà sicuramente a determinati problemi di sonno. Tuttavia, non esiste alcuna ricerca che stabilisca una chiara connessione tra l’uso di alcol e droghe alle allucinazioni o che spieghi come i due siano correlati. Dato che le persone che sono cadute preda di tali dipendenze soffrono già di stress e ansia, tuttavia, non è difficile vedere i contorni di un circolo vizioso che porta alla prevalenza di allucinazioni uditive e visive.

Hai bisogno di vedere un dottore?

Il più delle volte, un’allucinazione uditiva o ipnagogica avrà la decenza di rimanere dove e quando li hai lasciati. Se non hanno un carattere particolarmente spaventoso, non li ricorderai nemmeno al risveglio. Tuttavia se provi allucinazioni in modo così vivido da farti del male involontariamente e su base regolare, ti consiglio di consultare un medico da professionisti.

Potresti iniziare a sperimentare allucinazioni uditive solo quando ti addormenti. Ma poi ti ritrovi a sentire e vedere cose che non sono presenti anche nella tua vita da sveglio. In tal caso, consultare immediatamente uno psichiatra poiché potrebbe essere un sintomo di un grave disturbo mentale.

Se soffri anche di eccessiva sonnolenza diurna e paralisi del sonno. Aggiungi questi due alle allucinazioni ipnagogiche e avrai tutti i sintomi transitori associati alla narcolessia. La narcolessia di per sé potrebbe non sembrare un grave problema di salute per te, ma può avere conseguenze disastrose per le tue attività quotidiane. Specialmente se devi utilizzare un’auto o una macchina, o se stai facendo lavori manuali per sostenere la tua vita. Pertanto, è urgente chiedere consiglio a un professionista sanitario.

Come prevenire le allucinazioni uditive

Come accennato in precedenza, lo stress e l’ansia sono le principali cause alla base di queste allucinazioni. Ma poiché ci sono molte responsabilità nella nostra vita che ci logorano, potrebbe non essere facile riconoscere la causa dello stress e dell’ansia con la massima precisione. Anche se lo riconosciamo e lo diagnostichiamo, potremmo non essere in grado di annientarlo poiché potrebbe facilmente essere il nostro lavoro o la nostra famiglia. 

Tuttavia, ci sono cose che possiamo fare per mettere in ordine quella vita. La meditazione e l’esercizio fisico sono alcuni sani rimedi. Inoltre, seguire una dieta sana, interrompere l’assunzione di caffeina e sviluppare un programma di sonno coerente aiuterà a prevenire fastidiose allucinazioni.

Certo, bere qualcosa fuori con gli amici per una notte ogni tanto non ti farà male anche se ti perdi nella musica. Nel momento in cui rendi l’alcol una dipendenza, tuttavia, possono causare strane reazioni nel tuo cervello. Questa è ancora più una realtà per le droghe. Stare lontano da loro e cercare un aiuto professionale quando e dove fallisci eleverà anche la qualità del tuo sonno.

Viviamo in un’epoca in cui il ritmo della vita non può essere eguagliato dai nostri orologi interiori. Ci sono così tanti stimoli nelle nostre grandi città e sui social media che stiamo perdendo le tracce di noi stessi e dei nostri sentimenti. A volte siamo stressati, ma a causa di quel ritmo e dell’abbondanza di stimolanti, non possiamo permetterlo o ammetterlo. Probabilmente è per questo che i nostri cervelli ritengono fattibile inviarci scosse: per noi reclamare i nostri sentimenti e noi stessi. Quindi, trovare il tempo per la terapia potrebbe dare i suoi frutti.

Per visualizzare le offerte “Materassiedoghe” clicca QUI

Adriano Bonetti

Adriano Bonetti, vanta un'esperienza pluridecennale nel settore commerciale, collaborando da anni con centri di ricerca, come il Centro Nazionale di Ricerca. Recentemente divenuto Direttore del Comitato Scientifico Università Popolare per la ricerca scientifica e l'Alta formazione "PROMETEO", da diversi anni collabora con esso per l'organizzazione di eventi informativi e divulgativi, aventi come tematica l'influenza del riposo sulla qualità della vita. Ricopre anche il ruolo di Docente Materiali e Tecniche per il Benessere, oltre che di ricercatore indipendente su questi argomenti.
Ricopre la posizione di responsabile "Area Marketing" dell'azienda "Materassiedoghe", mettendo a disposizione dei clienti la sua competenza nel settore.

Back To Top