skip to Main Content

Il cuscino morbido non è sempre stato così. I cuscini in giada cinesi

GiadaOggigiorno le parole cuscino o guanciale sono accostate alla comodità e, soprattutto, alla morbidezza, più in generale al comfort legato al riposo, perché il cuscino morbido è presente in tutte le case. Questo appare normale, ma nell’antica Cina le cose erano ben diverse; perché i cuscini erano spesso realizzati con una pietra molto dura: la giada.

La giada nella cultura orientale

Il cuscino morbido di solito è pieno di piume d’oca, per dare comfort, in Cina si privilegiava però la gemmoterapia. La pietra della giada ha un peso molto importante nella cultura orientale; ad essa sono tradizionalmente legati diversi benefici legati alla salute e alla saggezza.
Nelle dinastie imperiali cinesi antiche la pietra era ritenuta più preziosa dell’oro e dell’argento; secondo la tradizione doveva essere presente in ogni abitazione; per far sì che il domicilio potesse essere definito casa e che la permanenza al suo interno fosse salutare.

Per questo, nonostante l’alto prezzo, in quasi tutte le famiglie, di ogni ceto sociale, era possibile trovare un oggetto di giada, o con dettagli in giada.
Gli oggetti più diffusi erano le pipe, il cui bocchino era composto in giada; in questo modo il fumo prodotto dal fornello si pensava fosse in grado di regalare longevità e saggezza.
Persino i più poveri avevano trovato un sistema per avere della giada in casa. Riproducevano sulle pareti o su tele l’ideogramma con cui si identificava la pietra; in modo che anche nelle loro case non mancasse mai la “giada”.

Il cuscino di giada

Proprio questa forte convinzione che la giada apportasse numerosi benefici ha reso possibile il diffondersi dei cuscini incisi in questo minerale, questi erano logicamente molto rigidi.
Si pensava che i cuscini di giada aumentassero l’intelligenza; poiché l’energia benefica emessa dalla pietra si trasferiva, durante il sonno, al cervello, avendo degli influssi positivi.
Fin dalla dinastia Ming si pensava che la giada potesse curare diverse patologie come il mal di testa, la depressione e altri disturbi. Oltre alla tradizionale convinzione che allungassero l’esistenza.

Ovviamente questi cuscini di giada erano diffusi solo presso i nobili, soprattutto a causa del loro prezzo. Infatti molti erano realizzati con forme particolari; incisi in un unico blocco di giada; spesso con altre pietre preziose o inserti d’oro e argento.
Nella cultura dell’antica Cina il cuscino era così importante da essere considerato uno dei criteri di valutazione per stabilire la qualità delle nozze; in base alla forma, alla qualità dell’incisione e ad altri dettagli.

Al giorno d’oggi

Cuscino morbido di giada

Ancora oggi in diverse zone dell’attuale Cina si utilizzano ancora dei cuscini in pietra, soprattutto nei mesi più caldi, in modo che l’organismo possa riposare adeguatamente.
Anche se buona parte della connotazione magica tradizionale dei cuscini in giada è passata alla storia; non esistono dubbi che il loro utilizzo ai giorni nostri è legato ad un forte legame col passato.

Certo è che la scienza e la tecnica sono ormai progredite così tanto che buona parte delle condizioni e tradizioni descritte in questo articolo sono state soppiantate da prodotti innovativi e sicuramente benefici.
Tra questi non si può fare a meno di citare i cuscini in memory foam o lattice, soprattutto quelli arricchiti con oli essenziali, oppure quelli con forme particolari.
La magia è stata quindi soppiantata dalla scienza e il cuscino di pietra dal cuscino morbido.

Per visualizzare le offerte “Materassiedoghe” clicca QUI

Back To Top