skip to Main Content
SPEDIZIONE SEMPRE GRATUITA!

Cause più comuni della paralisi del sonno

Ciò che alcune persone sperimentano come un incubo o un sogno inquietante, altre persone sperimentano in modo estremo. Gli studi hanno dimostrato che circa l’8% della popolazione sperimenta la paralisi del sonno ad un certo punto della propria vita. Diamo un’occhiata alla paralisi del sonno come disturbo del sonno e alle ragioni che causano episodi di paralisi del sonno negli individui.

Cos’è la paralisi del sonno?

La paralisi del sonno è un disturbo del sonno o un tipo di parasonnia in cui il movimento rapido degli occhi (fase del sonno REM) del sonno di una persona coincide con la veglia. Il fenomeno della paralisi del sonno porta a sogni vividi. Di solito comportano paura e allucinazioni, difficoltà di respirazione e incapacità di muoversi o parlare (atonia), che è il sintomo principale. Esistono due classificazioni della paralisi del sonno e sono classificate in base a quale parte del sonno si verifica.

Se si verifica la paralisi del sonno mentre ci si addormenta, si parla di paralisi del sonno ipnagogica o predormitale. La paralisi del sonno in questa fase è meno evidente. Il corpo è rilassato durante la prima fase del sonno, rendendo la mente meno consapevole degli effetti della paralisi del sonno.

Invece l’ipnopompico è la forma più comunemente sperimentata di paralisi del sonno poiché si verifica durante l’ultima parte del sonno o solo quando stai per svegliarti. L’ultima parte del sonno è la fase del sonno REM, dove la mente è più attiva e iniziamo a sognare. È anche durante il nostro sonno REM che il corpo diventa incapace di muoversi, poiché la paralisi del sonno viene vissuta quando siamo “svegli” e consapevoli. Allo stesso tempo, la fase REM del nostro sonno è ancora in corso.

Perché le persone sperimentano la paralisi del sonno?

La causa esatta della paralisi del sonno è ancora indeterminata, ma se c’è un sospetto comune, sarebbe la mancanza di sonno. La maggior parte delle persone che vivono con la paralisi del sonno sperimenta anche disturbi del sonno come l’insonnia cronica. La paralisi del sonno può verificarsi anche in persone che hanno generalmente alterato il ritmo del sonno. Come quelli che lavorano nei turni di notte e quelli che hanno subito il jet lag dal viaggio. Non dormire a sufficienza o avere un modello di sonno variabile spesso interrompe le fasi del sonno, influenzando quindi la fase REM.

Più comunemente conosciuta come sonnolenza diurna, la narcolessia è un disturbo neurologico ampiamente legato alla paralisi del sonno. Sebbene la narcolessia non sia così comune, le sue manifestazioni come un disturbo cerebrale fanno sì che una persona si addormenti in modo incontrollabile e talvolta possa portare alla paralisi del sonno. Un altro disturbo del sonno comune, l’apnea notturna, è spesso collegato alla paralisi del sonno. Poiché l’apnea notturna provoca l’ostruzione delle vie aeree durante il sonno, il respiro affannoso o l’improvvisa sensazione di soffocamento durante la notte possono svegliare le persone in modo intermittente durante il sonno. Essere svegliati nel cuore della notte, specialmente verso la fase REM del ciclo del sonno, può inviare il corpo alla paralisi del sonno.

Le persone che vivono con problemi di salute mentale come depressione, ansia, disturbo di panico e disturbo da stress post-traumatico (PTSD) sono più suscettibili alla paralisi del sonno. La cosa complicata della relazione tra salute mentale e paralisi del sonno è che l’una può causare l’altra. Vivere con la paralisi del sonno può anche causare ansia, allo stesso modo in cui l’ansia può causare la paralisi del sonno. Allo stesso modo, anche l’assunzione di antidepressivi o l’interruzione improvvisa dell’assunzione di farmaci per problemi di salute mentale può causare la paralisi del sonno.

Sebbene non ci siano studi che leghino geneticamente la paralisi del sonno come condizione ereditaria, è stato osservato che una storia familiare di paralisi del sonno è un potenziale fattore di rischio.

Come si affronta la paralisi del sonno?

Come con qualsiasi condizione medica, cercare un consiglio medico da un professionista dovrebbe essere il primo passo. Quando si verificano sintomi di paralisi del sonno, chiedere a uno specialista del sonno di esaminare la propria condizione per affrontare adeguatamente eventuali problemi di fondo. Nella maggior parte dei casi, un medico specializzato nella salute del sonno può diagnosticare con precisione se stai riscontrando apnea ostruttiva del sonno o narcolessia che sono cause comuni di paralisi del sonno.

Una delle principali cause di disturbi del sonno come l’insonnia è la mancanza di un programma del sonno. Il corpo ha bisogno di abituarsi ai modelli prima che il nostro orologio biologico si allinei a nostro piacimento. Di solito è difficile all’inizio poiché il corpo impiegherebbe tempo per adattarsi, ma la ripetizione e una stretta osservanza degli orari del sonno possono portare a un sonno migliore. Attenersi a un tempo predeterminato potrebbe potenzialmente consentire un minor numero di episodi di privazione del sonno e, in cambio, meno casi di paralisi del sonno.

Le abitudini o i rituali che svolgiamo prima di andare a dormire sono essenziali per il nostro riposo, noto come igiene del sonno. L’igiene del sonno implica l’adattamento su misura della tua stanza per un unico scopo: dormire bene la notte. Alcuni preparativi in ​​genere comportano l’assicurarsi di dormire in un ambiente fresco, silenzioso e buio per consentire il ciclo naturale del sonno del corpo. Ciò consente ai corpi di attraversare correttamente le fasi ininterrotte, migliorando la qualità del sonno.

In alcuni casi, alle persone che hanno sperimentato la paralisi del sonno vengono somministrati farmaci per aiutarli ad addormentarsi più velocemente e rimanere addormentati più a lungo. Alcuni dei farmaci del sonno prescritti alle persone con paralisi del sonno sono formulati per scoraggiare il verificarsi del sonno REM. Sebbene il percorso di trattamento medico possa funzionare, questo spesso porta a una qualità del sonno più scadente. Può anche causare un effetto di rimbalzo se somministrato per un lungo periodo.

Per visualizzare le offerte “Materassiedoghe” clicca QUI

Adriano Bonetti

Adriano Bonetti, vanta un'esperienza pluridecennale nel settore commerciale, collaborando da anni con centri di ricerca, come il Centro Nazionale di Ricerca. Recentemente divenuto Direttore del Comitato Scientifico Università Popolare per la ricerca scientifica e l'Alta formazione "PROMETEO", da diversi anni collabora con esso per l'organizzazione di eventi informativi e divulgativi, aventi come tematica l'influenza del riposo sulla qualità della vita. Ricopre anche il ruolo di Docente Materiali e Tecniche per il Benessere, oltre che di ricercatore indipendente su questi argomenti.
Ricopre la posizione di responsabile "Area Marketing" dell'azienda "Materassiedoghe", mettendo a disposizione dei clienti la sua competenza nel settore.

Back To Top