skip to Main Content

Materassi in memory: quali aspetti valutare in fase d’acquisto

materassi in memoryIl riposo ed il benessere derivati dalla fase di recupero energie più importante dell’intera giornata possono esser migliorati o peggiorati in base alle scelte che ogni singola persona fa rispetto alcuni elementi del proprio letto come le reti ed i materassi. Sorvolando sul difficile discorso rappresentato dalle reti, per i materassi va proposta un’interessante analisi (facile da comprendere ed assimilare) per poter scegliere la tipologia maggiormente adatta alle nostre necessità in caso si opti per i materassi in memory.

La miglior scelta il materasso memory

Questo rappresenta ad oggi una delle opzioni primarie di milioni di persone nel mondo. Tenendo conto di vantaggi e svantaggi che vengono offerti dal sistema di adattabilità e dagli effetti sulla colonna vertebrale; che possono variare non solo in base al materiale quanto soprattutto in base al nostro stile di vita e, di conseguenza, di riposo. Come scegliere i migliori materassi in memory se non si conosce bene il mercato di questi prodotti?

La soluzione è sicuramente quella di leggere i nostri consigli, ottenendo tutte le informazioni necessarie per scelte orientate, consapevoli e redditizie sia economicamente che in termini di salute.

Interno ed esterno del materasso

Il primo aspetto da valutare quando ci si approccia all’acquisto di materassi in memory riguarda la tipologia degli strati, ne esistono infatti diversi modelli.

Generalmente hanno una base imbottita utile per separare la rete e la lastra intermedia in memory foam; mentre in altri è possibile trovare un rivestimento traspirante che può essere in Aloe Vera o in Silver safe. Ognuno di questi elementi modifica i vantaggi e l’appetibilità dei materassi. Come nel caso del rivestimento in aloe vera che offre una sensazione di benessere per le proprietà dell’aloe, influenzando positivamente alcune funzioni vitali. Mentre invece il silver safe vanta proprietà antistatiche conservando anche il calore che viene equamente e meglio distribuito lungo tutto il corpo.

Lo spessore

Il secondo dettaglio da valutare è lo spessore, una qualità capace di dirci tanto sulle potenzialità di questi materassi. Un dettaglio spesso poco considerato per i materassi in memory è la presenza di uno spessore di almeno i 6 cm la cui assenza ridurrebbe notevolmente il fattore d’adattabilità e quindi farebbe perdere tutti i vantaggi proposti dagli strati che nel loro complesso non devono mai superare i 22 centimetri complessivi per non eccedere poi in senso negativo.

Liscio oppure ondulato

Il terzo ed ultimo dettaglio da considerare; la tipologia dei materassi in memory tra il foam piatto oppure foam ondulato. Un dubbio che spesso attanaglia gli utenti, ma che risulta fondamentale per capire se il materasso abbraccerà o avvolgerà; con diversi vantaggi, la persona che vi riposa. Ognuno può offrire ulteriori vantaggi; come l’effetto massaggiante o il supporto posturale, da valutare in questo caso non tanto in base alla tipologia quanto alle integrazioni apportate dal singolo produttore.

Seguendo questi piccoli, ma importanti suggerimenti è possibile acquisire brevemente la cultura essenziale per la scelta dei materassi, potendosi orientare in modo adeguato all’acquisto di modelli che potranno portare solo benefici rispetto le nostre reali necessità in fase di riposo, garantendoci una vita migliore.

Per visualizzare le offerte “Materassiedoghe” clicca QUI

Back To Top